Episodio 15

Episodio 15

(Il pistolero)

Zeb è ancora lontano da casa e i guai si moltiplicano. Ma il "nipotino" Luke e lo stesso Josh mostrano di saper badare alla famiglia piuttosto bene. Il sangue dei Macahan non mente mai! 

Mr. Coe è il signorotto locale che per mezzo dei suoi sgherri mette a ferro e fuoco la zona. La sua intenzione è¨ chiaramente quella di cacciare gli altri proprietari per divenire il padrone assoluto della valle. Intanto Laura fa la conoscenza di un uomo affascinante, giunto a cavallo, che ha assistito da lontano all’ennesima violenza degli uomini di Coe. Il suo nome è Frank Grayson ed è lo stesso individuo di cui Luke ha avuto modo di parlare alla sorella. In effetti la ragazza è sorpresa ma, di fronte alle precise domande di lei, Frank risponde in maniera piuttosto evasiva, affermando di essere un uomo che non ha nè amici nè nemici. In realtà  Grayson si trova nei paraggi perchè chiamato dallo stesso Mr. Coe. Più precisamente Grayson deve scontare un debito con l’uomo per cui lavora e che l’ha inviato proprio da Coe per aiutarlo a risolvere una certa faccenda… Grayson ha fama di essere un eccellente pistolero ma quando Coe chiarisce qual’è il compito per cui è¨ giunto nella valle, Frank Grayson comprende con chi ha a che fare e fissa condizioni estremamente precise. Farà  il lavoro ma alle proprie regole e senza intrusioni degli uomini di Coe. Il problema è che i progetti di Coe prevedono che più avanti, quando tutti gli altri attuali proprietari saranno cacciati dalla valle, anche Zeb e la sua famiglia dovranno andar via. I due fratelli al soldo di Mr. Coe, gli stessi che avevano già spaventato Lara mentre si trovava dai Ferguson, tornano a dar fastidio nella valle. Questa volta sono proprio i Macahan a essere nelle loro mire. Dopo aver distrutto l’orto, cominciano a importunare le donne di casa. Per fortuna intervengono appena in tempo Luke e Josh… La precisione con la pistola del fratello maggiore è ormai proverbiale e la “trattativa” prende una piega davvero inattesa per i due sgherri che devono subire una punizione esemplare. La missione di Grayson finisce per portarlo a un confronto diretto con Luke, già  individuato da Coe come il suo più grosso problema: ormai il giovane si è trasformato nel paladino delle famiglie dell’intera valle. Grayson non è certo il tipo da desistere facilmente, ma… nel momento clou del duello interviene zia Molly, cercando di fermarli. In un secondo momento interviene persino Laura che schiaffeggia e umilia Grayson di fronte a tutti. Quando però la stessa giovane Macahan a essere barbaramente offesa dagli uomini di Coe, Grayson decide di rivedere nettamente la sua posizione. La forte simpatia che prova per Laura comincia a pesare sulle sue decisioni… Presto Grayson dovrà  fare i conti anche con la sua coscienza e ffrontare Coe in prima persona. Zeb intanto è finalmente tornato e i Macahan hanno trovato in Frank Grayson un nuovo alleato per quello che si prospetta essere uno scontro davvero epico!

TERRA DI PISTOLERI

Esistono alcune vecchie foto che, solo a guardarle, evocano leggende. In un album ideale del selvaggio West, molte pagine sono naturalmente dedicate ai grandi pistoleri. Ce ne furono di temuti e votati al crimine ma anche di quelli un po' più simpatici, magari disposti a battersi per buoni ideali e che in qualche modo ricordano il Grayson di questo avvincente episodio. Uno dei nomi più famosi di questo secondo schieramento fu quello di James Butler Hickok, meglio noto come "Wild Bill". Un vecchio ritratto fotografico del 1867 ce lo presenta come un moderno eroe, bello e coraggioso - pare anche che la moglie del generale Custer lo trovasse quasi irresistibile - con dei vistosi baffi e un portamento decisamente elegante. Bill era giocatore di professione ed era nato nel 1837 in Illinois. Era stato incaricato di portare un po' di ordine in Texas, già  trasformato in terra di nessuno. Il primo a fare i conti con lui fu Dave Tutt: i due si scontrarono in un duello memorabile che avrebbe rappresentato il prototipo per tanto buon cinema western (in testa Mezzogiorno di fuoco, con Gary Cooper, ma anche la meravigliosa trilogia di Eastwood). Il virtuoso Bill, dopo aver fatto fuori Tutt con un colpo al cuore da una distanza ragguardevole, si diede a non poche dimostrazioni della sua ormai proverbiale precisione di tiro, procurandosi una fama insuperata, quindi sfida - uccidendolo - un altro tipaccio molto veloce con il grilletto, al secolo Phil Coe. Prima che fosse ucciso a tradimento, mentre giocava al tavolo, Hickok aveva collezionato ben trentasei duelli finiti bene per lui e, ovviamente, malissimo per l'avversario. Un curriculum davvero notevole ma che non gli bastò a farla franca quando non aveva neppure compiuto quarant'anni…

Guarda su Youtube

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.