Alla Conquista del West

Alla Conquista del West

La storia del West è indissolubilmente legata a quella di uomini che hanno avuto il coraggio di spingere i propri carri per centinaia di miglia tra territori selvaggi. L’Oregon, la California e i loro miraggi di una vita migliore spingono migliaia di famiglie a trasformarsi in pionieri. Tra queste famiglie c’è quella dei Macahan ed è proprio la loro storia che racconta “Alla conquista del West

Le avventure dei Macahan esordiscono con il film TV “The Macahans“, in onda negli USA il 19 gennaio 1976. Dal 6 al 20 febbraio 1977 viene trasmessa una miniserie che racconta gli eventi successivi al film TV. Questo, della durata di 120 minuti, e i restanti, di 90 minuti, compongono i 4 episodi della prima stagione.

Dopo la prima, viene realizzata una seconda stagione (trasmessa negli USA dal 12 marzo al 21 maggio 1978), in 10 episodi da 90 minuti, che prosegue il racconto della prima stagione seguitando a narrare le vicende della famiglia Macahan dopo un salto di circa un anno.
Prima e seconda stagione costituiscono così un’unica saga narrativa. La terza e ultima stagione (in onda negli USA dal 15 gennaio al 23 aprile 1979), composta da 11 episodi di 90 minuti, opta invece per uno schema differente, con un formato che privilegia storie autoconclusive a ogni episodio.
Alla conquista del West trae molta della propria linfa artistica da un antenato illustre. La serie, infatti si ispira liberamente alle vicende narrate dal celebre “La Conquista del West”, film in cinque episodi della durata complessiva di 164 minuti del 1962, girato da mostri sacri del cinema americano quali John Ford, Henry Hathaway, George Marshall e Richard Thorpe.
Trasmessa per la prima volta sulla emittente americana ABC, “Alla conquista del West” ebbe grande successo soprattutto in Europa, persino più che presso il pubblico statunitense. Soprattutto in Italia la serie letteralmente spopolò e ancora oggi è considerata la migliore serie western mai realizzata.
Zio Zeb, zia Molly, Luke, Lara, Josh, Jessie. Ovvero i Macahan (in italiano meglio conosciuti come “Mechein”). Con loro è cresciuta una generazione intera di telespettatori, quella nata tra la metà degli anni Sessanta e i primi anni Settanta. Allora la TV era molto diversa da oggi. Pochi canali e programmi che rappresentavano degli eventi di massa e diventavano un vero e proprio rito collettivo. Così “Alla conquista del West” è entrato nel cuore di milioni di italiani e ancora oggi continua a far parte della loro memoria e risveglia in loro le stesse emozioni di allora.

Tutto comincia nel 1861, quando i Macahan decidono di lasciare la Virginia per dirigersi a ovest. Hanno trascorso finora un’esistenza tranquilla, in una fattoria che ha dato loro di che sopravvivere, ma è certo mancata l’avventura. A innescare in Timothy Macahan, sua moglie Kate e i quattro figli Luke, Lara, Josh e Jessie, la voglia di cambiar tutto è il ritorno a casa di ZebulonZeb” Macahan, fratello di Timothy, che in tutti questi anni si è trasformato in un vero avventuriero. L’esperienza e i racconti di Zeb non mancano davvero di affascinare i Macahan: a ovest infinite distese li aspettano, possibilità di successo e certamente anche una nuova vita! I nostri si mettono dunque in viaggio, ma nel corso del lungo tragitto vengono raggiunti da una grave notizia: è infatti scoppiata la Guerra Civile…


La sigla


vuoi supportarmi o anche solo offrire un caffè?